MAIORCA

Il grano maiorca è una varietà antica di grano tenero, scientificamente nota come Triticum aestivum albidum, da secoli coltivato in Sicilia, insieme all’antico grano timilia.
Si tratta di un grano tenero bianco, molto alto – le spighe possono raggiungere anche i 180 cm! – è coltivato in terreni aridi e secchi, ora per lo più in colture biologiche e di nicchia, vista la scarsa resa, all’incirca la metà rispetto alle varietà moderne.
Si tratta di un grano speciale per vari motivi: sapore, proprietà nutritive, versatilità d’utilizzo e relativa rapidità di cottura, conosciamolo meglio!

Proprietà del grano Maiorca
Si tratta di uno di quegli alimenti ritrovati preziosi e nutrienti: il grano maiorca, frumento morbido e al tempo stesso robusto, ha infatti un alto contenuto proteico, circa 8,5 grammi di proteine per 100 grammi di prodotto, sali minerali e vitamine e la farina presenta ottima qualità panificatorie e pertanto da antica tradizione utilizzata per gli impasti di dolci lievitati e non.
Si tratta di un alimento anche facilmente digeribile, a basso contenuto di glutine, di circa il 50% in meno rispetto agli altri grani comunemente in uso.

Grano Maiorca: usi e dove trovarlo
Il grano maiorca viene da tempo utilizzato in Sicilia soprattutto sottoforma di farina, per ricette di base di dolci. Si dice infatti che, oltre a cialde, biscotti e torte tipiche, anche gli stessi cannoli siciliani siano nati utilizzando la farina di questo grano.
Viene usato anche per impasti salati, di pane bianco saporito e molto profumato, pizza, focaccia, taralli o grissini.
Questa farina e’ molto utile per creare un ottimo lievito madre, duraturo nel tempo e molto forte .

Visualizzazione di tutti i 2 risultati

Translate »